Wednesday 21 February, 2024
HomeMarcheAttualità MarcheRagazzo finisce nell’Esino, salvato col guinzaglio di un cane

Il giovane stava pedalando assieme ad alcuni amici quando la pista ciclabile è franata. In quel momento stava passando una donna, con il suo cane che, senza pensarci, è riuscita a salvarlo col guinzaglio. Intervenuti poi 118 e Vigili del fuoco

Jesi, tragedia sfiorata. Un ragazzino è finito con la bicicletta nel fiume Esino, riuscendo però a salvarsi prima che potesse finire nel peggiore dei modi. Il ragazzo, stava pedalando assieme ai suoi amici, lungo la pista ciclabile in zona Borgo Minonna, quando, ad un tratto, arrivato all’altezza del ponte, il terreno è ceduto.

E’ franato un pezzo della ciclabile che costeggia proprio il fiume Esino e la colpa sembrerebbe proprio delle intense precipitazioni che questi giorni stanno colpendo la Regione e l’intero Paese. Il terreno è quindi ceduto proprio sotto alle ruote della bicicletta del ragazzo, facendolo finire in acqua.

Il giovane si è ritrovato a combattere contro la corrente, che lo trascinava, non riuscendo ad aggrapparsi a nessun appiglio. Unica soluzione, tenersi forte al fango lungo gli argini del fiume. Momento drammatico in cui basta un secondo per arrivare alla tragedia.

Casualmente e fortunatamente, in quella zona si trovava a passare una donna, che stava portando a spasso il proprio cane. La donna, avvistata la situazione di pericolo, non ci ha pensato due volte e ha immediatamente slacciato il guinzaglio dal collare del proprio cane e di utilizzare come fune in modo tale che il ragazzo potesse afferrarlo.

Nel mentre i soccorsi erano stati chiamati e l’intervento della donna è stato necessario affinché si guadagnasse tempo nell’attesa che giungessero sul posto 118 e Vigili del fuoco. Grazie anche all’aiuto di un altro passante, il ragazzino è riuscito a risalire. Un intervento davvero provvidenziale.

Anche il 112 sul posto. A sirene spiegate sono interventi Vigili del fuoco, partiti dalla centrale jesina. I pompieri hanno raggiunto il giovane, ma fortunatamente la situazione pericolosa si era conclusa nel migliore dei modi.

Chiamato anche il 118. Il personale medico ha fatto sapere che il giovane è in buone condizioni, e ha riportato solo un grande spavento, così come i suoi amici i quali hanno assistito al terribile momento.

Autore

Andrea Bocchini

Classe ’98. Laureato in Comunicazione giornalistica, pubblica e d’impresa a Bologna. La mia più grande passione, il giornalismo. Scrivere, leggere e viaggiare i miei più grandi interessi. Il mio amore musicale, Fabrizio de Andre, il mio motto: “Per chi viaggia in direzione ostinata e contraria”.