Wednesday 21 February, 2024
HomeMarcheCultura MarcheLe dimore storiche delle Marche pronte ad accogliere visitatori

L’Associazione Nazionale Dimore Storiche nasce nel 1977 con la volontà di valorizzare il patrimonio culturale del nostro paese. L’interesse dell’ente, come il suo nome suggerisce, è ricolto a tutti gli immobili e le proprietà legate alla storia ed alle personalità nate e vissute sul territorio di ogni regione, al fine di conservarli e tramandarli alle generazioni future.

Un grande museo diffuso che nella Giornata Nazionale dell’Associazione Dimore Storiche Italiane apre le sue porte a cittadini e visitatori. L’edizione di quest’anno, la ottava, si celebrerà domenica 21 maggio.

Le dimore storiche nelle Marche

Cinque saranno le dimore storiche visitabili nelle Marche.

Ad iniziare da Palazzo Accorretti, nel centro di Filottrano in Provincia di Ancona, che dal 1500 preserva importanti affreschi.

A Fano, sarà l’antico Palazzo Castracane ad aprire le porte ai visitatori che potranno ammirare le sale decorate ed il grande lampadario a forma di sole acquistato in onore della Regina Cristina di Svezia.

A Pesaro, l’antica Villa Miralfiore del 1200, aprirà al pubblico i suoi giardini e le sue stanze dove sono custoditi affreschi ed opere in vetro di grandi maestri internazionali.

A Fermo verrà invece aperto Palazzo Brancadoro, mentre in provincia di Ascoli Piceno, a Castel di Lama, il Borgo storico Seghetti Panichi mostrerà ai visitatori il romantico giardino progettato nell’800 dal tedesco Ludwig Winter.

Dimore storiche social con la challenge su Instagram

Come l’edizione passata, anche quella di quest’anno sarà una Giornata protagonista dei social network. Di Instagram in particolare, dove l’Associazione Dimore Storiche Italiane Photolux Festival, promuovono in collaborazione con Instagramers Italia ETS, una challenge rivolta a tutti gli utenti. 

Usando l’hashtag #challengeadsi2023 o menzionando @dimore_storiche_italiane@photoluxfest @weareigersit, basterà pubblicare un reel, un post o una storia del luogo visitato. Tra i contenuti pubblicati ne saranno scelti 25 che andranno a far parte di una mostra virtuale sui siti web di ADSI e Photolux Festival, condivisi sugli account instagram dei tre soggetti promotori.

Autore

Giorgia Clementi

Nata sotto il segno del leone, cresciuta nella capitale del Verdicchio. Dopo la maturità classica al Liceo Vittorio Emanuele II di Jesi scopro l'interesse per il mondo della comunicazione che scelgo di assecondare, dapprima con una triennale all'Università di Macerata, ed in seguito con una laurea magistrale in Giornalismo ed editoria all'Università di Parma. Spirito d'iniziativa, dinamismo, (e relativa modestia), i segni che mi contraddistinguono, insieme ad un amore unico per le bellezze del mio territorio.