Wednesday 21 February, 2024
HomeItaliaCronaca ItaliaIl massacro delle Foibe

Il giorno del Ricordo nelle operazioni di recupero delle vittime in Istria

La difficile e rischiosa opera di recupero delle vittime delle foibe in Istria impegnò i vigili del fuoco di Pola diretti da un maresciallo, Arnaldo Harzarich, dalla metà di ottobre 1943.

Come descrivono alcuni documenti dell’epoca, la squadra si avvalse di una “biga formata da pali fissi all’estremità superiore e aperti a quella inferiore a mo’ di piramide” e di “un paranco con doppia carrucola”: una per l’operatore, l’altra di riserva.

Terminata l’impalcatura, Harzarich scese prima “alla profondità di 66 m, su un piano fortemente inclinato”, poi a 146 m per trovare un secondo piano che era pieno di cadaveri.

Una scorta armata di 25 uomini forniti dalla polizia di Pola affiancò per quasi tutta l’operazione i vigili del fuoco per scongiurare possibili attacchi da parte dei partigiani.

Il bilancio fu di 8 giorni di lavoro e 9 discese per recuperare le salme di 84 vittime del massacro.

Autore

Cristina Carnevali

Di professione avvocato, fondatrice di capocronaca.it. Già collaboratrice e direttore editoriale per realtà locali, vincitrice del Premio giornalistico "Giuseppe Luconi" 2020 nella sezione "quotidiani on line delle Marche", oggi guida della redazione di capocronaca.it. Appassionata di sport, ha fatto i primi servizi sul campo, per poi occuparsi a 360° dell'editoria e della comunicazione.