Friday 19 April, 2024
HomeAttualitàJesi e il ‘900 verso il 2050, le farfalle arriveranno: primo evento affidato a Nicolò Govoni

Partito ufficialmente l’evento, che si protrarrà per cinquanta giorni, fino al 19 maggio, ed è già tempo per un appuntamento di grande rilevanza.

Nicolò Govoni, scrittore, giornalista e attivista per i diritti umani, da anni impegnato a favore dell’educazione e della protezione dei bambini fragili in ogni parte del mondo, sarà il primo ospite della Fondazione Gabriele Cardinaletti.

Non certo un ospite qualsiasi: Nicolò Govoni ha raccontato, di essere stato considerato un fallimento, a detta di tanti, un “signor nessuno”, un futuro “inscatolatore di merendine.”

«Poi sono andato in India – ha raccontato – e sono rinato; avevo 20 anni e il volontariato non sapevo neanche cosa fosse. Ma l’ho fatto, e la mia vita è cambiata per sempre. Dovevo fermarmi due mesi. Mi sono fermato quattro anni. Perché? Semplice: dopo due decenni a sentirmi inutile, avevo trovato una ragione di vita. Due, a dire la verità: Joshua, il mio mentore, secondo padre e fondatore dell’orfanotrofio Dayavu Home, e i suoi piccoli inquilini. Per loro ho stravolto la mia vita.»

In seguito ha fondato “Still I rise”, l’associazione che dirige e che dà lavoro a circa 100 persone nel mondo.

Non è stato un percorso facile, costretto a rifiutare compromessi e ingerenze basando la sua vita, e quella dei tanti bambini e giovani che frequentano le sue missioni, sul valore dell’altruismo e della resilienza, per un mondo migliore. Tra i suoi progetti, l’apertura di una nuova scuola internazionale in India, la settima nel mondo.

Nel 2020 Nicolò Govoni è stato nominato per il Premio Nobel per la Pace, “per il suo impegno a favore dell’educazione e della protezione dei bambini vulnerabili”. 

L’appuntamento è quindi per mercoledì 3 aprile, a partire dalle 16.30, nel Palazzo dei Convegni di Jesi, in Corso Matteotti; sarà in collegamento da Nairobi per raccontare le sue esperienze in ogni parte del mondo, forte del suo motto “cambiamo il mondo, un bambino alla volta”.

Parlerà con il giornalista Giovanni Filosa e racconterà anche del suo ultimo libro “Altrove”. 

Autore

Giancarlo Esposto

Giornalista iscritto all’Ordine dei Pubblicisti dal 1985 – tessera n. 52020 - e scrittore. Ha all’attivo numerose collaborazioni con emittenti radio-tv e giornali su carta e online. Nel 2010 ha ricevuto la medaglia d’argento per i 25 anni di iscrizione all’Ordine, nel 2020 era nell’elenco dei premiati del Premio Giornalistico Nazionale Giuseppe Luconi. Come scrittore, dopo alcune pubblicazioni di sport, relative alla sua attività giornalistica e dedicate al vernacolo, si è dedicato alla narrativa, pubblicando 5 romanzi; il più recente "Anagramma di donne". Pochi mesi fa ha pubblicato il libro "Dal taccuino di un cronista", racconti di oltre trent'anni di giornalismo. Sportivo praticante fino a poco tempo fa, è stato sposato, vive con suo figlio, un cane, tre gatti e una tartaruga. Inoltre è parte attiva all’interno dell’Agenzia assicurativa Jesi 2.000. Una delle sue frasi preferite: “La letteratura, come tutta l’arte, è la confessione che la vita non basta.” (Fernando Pessoa).